lunedì 25 aprile 2016

Scarface. (I partigiani non erano amici. I partigiani erano combattenti).

Chiediti chi è il cattivo.
E pensa a Tony Montana.
In meno di ventiquattr'ore mi ritrovo tra Cuba e i Sibillini a parlare di Favelas.
E ridondante ritorna il verso "Voi cosa ne sapete".
Come Tony Montana che si alza da tavola completamente finito e si gira verso i presenti urlando: "Cacciate il cattivo, sono io il cattivo. Ma voi avete bisogno di me".
Allora, chiediti chi è il cattivo.
Le strade sono strade. E il più cattivo tra quelli che io potessi conoscere, tra i cattivi, mi è amico più dei buoni. Il più fascista che potessi conoscere, tra i fascisti, mi è compagno. E con me divide ogni cosa. O perlomeno, ciò che conta dividersi nel momento in cui ahimè, gli si da valore.
E allora, chi è il cattivo?
Mai così freddo, in un 25 aprile stanco.
Scarface. E piccoli passi di quattro zampe anziane e stanche,
E oceani di solitudine che prima o poi sarebbero arrivati.
E lo avremmo saputo.
Ora, in un monolocale infinito, sai cosa significa. E lo accogli.
Come Tony Montana. Aspettando una fine che non ti vedrà sprofondare. O forse si.
Chi lo sa, trova altrove impegni per non farci caso.
Sarebbe potuto accadere.
Potrebbe accadere.
Se dovesse accadere, chiediti dov'eri.
Che non basta andare a vedere un concerto insieme per essere amici.
I partigiani non erano amici.
I partigiani erano combattenti. 

Nessun commento:

Posta un commento