sabato 4 novembre 2017

SismaPalcoscenico (Monito terrorista, che la retta è per chi ha fretta)

La prima volta che sono entrata in un teatro avevo 13 anni, e fu dal proscenio.

Dritta sulle ombre che mi guardavano, il cuore ha tremato altre poche volte come quella.

L'ultima, è stata con te, e non ricordo neanche cosa abbiamo visto.

Poi ha tremato tutto, e ho smesso di tremare io.

Ma ho imparato un tremore diverso, e di questo mi consolo, guardandomi all'indietro, protesa in avanti.

Oggi sono tornata in teatro, in una città spaccata dal terremoto, e guarda caso, per sbaglio, mi sono ritrovata sul proscenio.

Tutto è per come siamo in grado di vederlo.

Monito terrorista, che la retta è per chi ha fretta.








giovedì 2 novembre 2017

La terra, l'Emilia, la Lombardia, Marsiglia, io e te.

Forte del ricordo di quella che non sono più
Sto ancora digerendo le ultime lacrime
Oh, c'è un sole che spacca gli animi tristi là fuori
E io sono stanca della gente che non sa gioirne
Come quando guardi un tramonto rossissimo e ti chiedi come diavolo fanno certi individui a togliersi la vita
Che di tramonti così vorresti berne a colazione.

Marseille qui a traversé les coeurs de tous
Elle a des couleurs  qui sont capables de quitter l'ame
Et elle parle tous les coleurs du monde

Je ne suis pas capable, éncore, de traversér cet hiver sans toi

è forse l'unica cosa che sarei in grado di dirti col cuore in mano, adesso.